lunedì 26 settembre 2011

Posted by Iride On 15:24
Qualche giorno fa il solito salto dalla parrucchiera di fine estate. 
Sfoglio una rivista di acconciature Star Trekkiane seduta in poltrona col bavaglino gigante. Mi sento sempre un sac à poche. 
Alla mia destra c'è una ragazza di 16, forse 17 anni, capelli ondulati e lunghi fino al sedere. Davvero belli. E' lì per la messa in piega, io invece devo rifare il taglio. Mentre aspetto, una delle parrucchiere inizia a maneggiare le ciocche della mia vicina parlando con confidenza, si conoscono.

"E allora come va, tutto bene?"
"sì sì.."
"Ma che bei capelli lunghi che hai...ti fanno bellissima."
"Grazie."
"...e il fidanzato che ne pensa?" (sorriso alla stregatto)
"Beh a lui piacciono corti...però..."
"Eh si capisco..."

Il suo sguardo termina quel però con "si attacca al tram". Diciamo tram, anche se è evidente che si riferisce a qualcosa di più modesto e a portata di mano di un mezzo a rotaie. 
In quel momento il mio orgoglio femminile sorride tronfio e contagia la bocca che si fa scappare una smorfia, ma è solo un attimo. Dal divanetto alle nostre spalle giunge una voce sottile e fluida, un suono argentino, come il cadere di un'ascia. 
E' sua madre:

"Vabbè che se gli vuoi bene potresti anche tagliarli."

I consigli di una madre.
La figlia, un'ammirevole sfinge. Poi io

E alla fine mi hanno pure sbagliato il taglio.



A onor del vero:

8 commenti:

  1. Ciao Iride
    preferisco non pronunciarmi, perchè l'acconciatura delle donne è argomento off limits per qulunque uomo con un po di buon senso ... si può esprimere un'opinione, ma a proprio rischio e pericolo:-)

    Comunque ti saluto con Simpatia

    RispondiElimina
  2. @Paolo ah ah più che dei capelli, ci sarebbe da parlare di quelli che dovrebbero essere gli insegnamenti di un genitore, di una madre.
    Come si fa dire una cosa del genere a una figlia? Invece di infonderle fiducia in sé stessa, le suggerisce di cambiarsi per qualcun altro? Non dovremmo essere amati per quello che siamo e per i gusti che abbiamo? Una madre dovrebbe insegnarti questo, non a cambiarti per il primo che passa. Cos'è la vuole già accasata?

    Mi ha davvero sconvolta, detto da un'amica l'avrei anche potuto sopportare, ma da una madre, mi ha disgustata.

    RispondiElimina
  3. Che madre strana (e mi limito), la figlia in compenso è una grande!

    RispondiElimina
  4. Dipende, Cara Iride. Forse e dico forse, la ragazza è cresciuta troppo abituata a fare di testa sua, a non prendere minimamente in considerazione gli altri e loro aspettative o desideri: vuoi per la giovane età, vuoi perchè un pò viziata ... la madre conoscendola meglio di noi due, cerca di mitigare questo aspetto, forse vede di buon occhio quel ragazzo che va dietro alla figlia, sa che la vita di coppia non sono tutte rose,che è necessario cedere qualcosa in favore dell'altro (reciprocamente: un passo verso l'altro). Se una cosa fa piacere all'altra persona, per amore, per la gran gioia che quella persona rappresenta a se stessi, si è disposti a compiacerla e godere della sorpresa che quel piccolo atto di sottomissione, o meglio di attenzione genera nella persona amata. Sono sensibilità che si incontrano, dove nessuno vuole prevaricare l'altro, togliere libertà, cambiare i gusti, spersonalizzare ... sono scelte fatte con il cuore, sacrifici del proprio ego. Punti di vista, condivisibile o meno, ma quando si vuole bene per certe persone è naturale ragionare così.
    Buona notte Iride:-)

    RispondiElimina
  5. Ciao,
    forse sono la persona meno adatta a parlare di capelli,per ovvie ragioni.
    Da quello che ho capito,richiedono una certa manutenzione proporzionale alla lunghezza.
    Comunque in una donna mi piacciono lunghi e quella madre credo abbia qualche problemino di autostima....

    RispondiElimina
  6. Mi piace il tuo blog..ti seguo!!! Queste sono madri che hanno sempre accontentato i mariti per non perderli...maaah che mondo!!!

    kisses

    www.myfashionsketchbook.com

    RispondiElimina
  7. @Paolo non posso trovarmi d'accordo. Probabilmente è dovuto al fatto che abbiamo due età diverse, e la cosa mi stimola perchè il confronto è sempre una crescita, e tra coetanei non è sempre soddisfacente.
    I "sacrifici" in amore, ammesso che ce ne debbano essere, riguardano cose più importanti, secondo me.
    Se io amo qualcuno non gli chiedo di cambiare per me, non per sciocchezze come i capelli, o i vestiti. Io non amo gli occhiali ma non chiederei mai al mio ragazzo se occhialuto di mettersi le lenti per far piacere a me. Non è amore quello, è egoismo e mania di controllo sull'altra persona.
    Potrei chiedergli, non so, di smettere di fumare, se voglio un futuro con lui non vorrei far vivere di fumo passivo i miei figli e crescerli senza un padre morto di tumore. Quello non è egoismo, quello è un sacrificio che ha senso.
    Cose come tagliare i capelli o che so cambiare modo di vestire servono solo a limitare la libertà personale: da una parte c'è il desiderio di vedere se la persona "amata" è disposta a sacrificarsi per te (egocentrismo ai massimi livelli), dall'altra c'è l'insicurezza a l'ansia di dimostrare amore. E anche se questo scambio fosse reciproco, è comunque una porcheria. Ed è anche la causa di tanti matrimoni malsani e infelici, visto che la realtà insegna che questi sacrifici in un rapporto alla fine pendono sempre più verso una parte sola. E portano all'annientamento dell'altra.
    L'amore è rispetto reciproco.
    Inoltre c'è da considerare che la situazione qui descritta è quella di una ragazza adolescente. A quell'età di sacrifici se ne fanno pure troppi, le ragazze si danno via, letteralmente, lo sai, nella speranza di dimostrare e ricevere amore. Il discorso che hai fatto tu può avere valenza tra due adulti con un pò di saggezza, sotto i capelli, non verso un'età la cui peculiarità è un'autostima traballante che si getta ogni giorno per poca roba. A prescindere che io consideri inutili certi sacrifici, non sono cose da suggerire a una ragazzina, e non da una madre il cui scopo è quello di insegnare ai figli ad essere forti e sicuri di sè, specie in un'età dove si è burattini del gruppo, della società e delle mode.
    Alla fine, sai che ti dico? Che il supremo sacrificio e dimostrazione d'amore è accettare la persona amata così com'è, senza chiedergli nulla che non sia veramente importante.
    E' difficile. Ma l'amore lo è sempre.

    Ciao Paolo ;)

    @Mimma grazie, lieta di averti qui! :)

    RispondiElimina
  8. Forse quella di oggi, é una fase mondiale dell'uomo, dove tutto è propagandato per indirizzarci, qualsiasi sia la nostra età, verso il burattinaggio.
    Ciao!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...